Passa ai contenuti principali

In primo piano

LE NUOVE LINEE DI CONFINDUSTRIA PER LA COSTRUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI 231

Premessa In concomitanza con la ricorrenza del ventennale dall’introduzione della normativa sancita dal d.lgs.231/2001, Confindustria ha pubblicato il già preannunciato aggiornamento del documento “Linee guida per la costruzione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231”. L’attività di rimodulazione delle Linee Guida si è resa necessaria a fronte delle novità che hanno interessato la normativa in materia di compliance 231, poiché, in effetti, le ultime direttive sul punto risalivano al 2014: trattavasi, pertanto, di un dettame sicuramente obsoleto e superato dalle moderne evidenze ricavate dalla realtà aziendale.  Cosicché Confindustria, per il tramite delle nuove Linee Guida, si è posta l’obiettivo di offrire alle imprese una serie di indicazioni aggiornate in materia 231, idonee a far si che il Modello Organizzativo che esse decidano di adottare sia quanto più attuale possibile e, soprattutto, abbia una concreta efficac

La prevenzione del rischio penale in relazione ai finanziamenti del Decreto-Liquidità alle imprese (intervento nell'ambito del convegno "Finanziamenti in epoca di Covid-19: indebito utilizzo e profili di responsabilità")

Pubblichiamo le slides dell'intervento dell'Avv. Stefano Sarno sui "Profili di prevenzione del rischio penale", tenuto in occasione dell'incontro su "Finanziamenti in epoca di Covid-19: indebito utilizzo e profili di responsabilità" organizzato giovedì 15 ottobre 2020 - in modalità webinar - dalle associazioni Prospettiva Forense, ANDoC Accademia dei Dottori Commercialisti di Napoli, AIRA - Associazione Italiana Rating Advisory e UCCLI - Unione Commercialisti e Consulenti del Lavoro dell'Isola di Ischia.

I relatori - avvocati, dottori commercialisti e dirigenti bancari - hanno affrontato gli aspetti economici e legali dei finanziamenti, garantiti dal Fondo PMI e da SACE s.p.a., che gli istituti di credito possono concedere alle imprese e ai professionisti colpiti dall'emergenza covid-19 nell'ambito degli interventi statali diretti a sostenere l'economia nazionale. 

Nelle slides, dopo aver descritto le caratteristiche dei finanziamenti previsti dal c.d. Decreto-Liquidità (D.L. 8 aprile 2020, n. 23), vengono esaminati i reati che si possono verificare in tali ipotesi e le possibili cautele che le aziende devono adottare nel modello organizzativo per prevenire la responsabilità da reato degli enti ai sensi del D. Lgs. 231/2001.

Commenti