Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2021

In primo piano

L’IDONEITÀ DEL MODELLO 231 E LA SUA ELUSIONE FRAUDOLENTA, IL RUOLO DELLE LINEE-GUIDA E LE FUNZIONI DELL’ODV: SPUNTI INTERPRETATIVI E DI METODO ALLA LUCE DELLA SENTENZA “IMPREGILO”

Il caso La vicenda definita dalla Suprema Corte con la sentenza n. 23401/2021 (Sez. VI, 11 novembre 2021 – 15 giugno 2022) tra origine da una contestazione elevata nei confronti della società Impregilo s.p.a. per l’illecito amministrativo dipendente da reato previsto all’art. 25-ter del D. Lgs. 231/2001 in relazione al delitto di aggiotaggio, ex art. 2637 c.c., che secondo l’accusa sarebbe stato commesso nel suo interesse e vantaggio dal presidente del consiglio di amministrazione e dall’amministratore delegato della medesima società (per i quali si è proceduto separatamente) mediante la comunicazione al mercato di notizie false sulle previsioni di bilancio e sulla solvibilità di una propria società controllata, posta in liquidazione. Il cuore dell’accertamento della Suprema Corte si riassume in due punti: il giudizio sulla idoneità o meno del modello organizzativo “ ante delictum ” della società a prevenire reati della stessa specie di quello per cui si procede – che nel caso spec

ESCLUSA LA FRODE PROCESSUALE PER IL DATORE DI LAVORO CHE ALTERA I LUOGHI DELL’INFORTUNIO

LA VACCINAZIONE DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI: IL PROTOCOLLO PER LA REALIZZAZIONE DEI PIANI AZIENDALI E GLI ONERI DEL DATORE DI LAVORO.

STOP DEFINITIVO DELLA CASSAZIONE AL “RECUPERO DEL CONSENSO”: RESPINTO IL RICORSO TELECOM