Passa ai contenuti principali

In primo piano

La riforma dello sport, i nuovi obblighi per le società e associazioni sportive e le linee guida di categoria.

Premessa A poche settimane dall’entrata dello sport in Costituzione, con l’approvazione all’unanimità dell’art. 33, si fa sempre più conc reta  la presa di coscienza del ruolo che l’attività  motoria  può rivestire per la società e per l’individuo.  Ruolo che si ripercuote, a cascata e dal basso, anche sulle società e associazioni sportive, dilettantistiche e non, di cui si era già fatta caricola c.d. riforma dello sport, entrata in vigore il 1 luglio 2023. Un intervento quindi a tutto tondo per il mondo dello sport che, tuttavia, pone l’accento sul tema della  compliance  e della normazione secondaria, in particolare  in relazione all’adozione di un  Codice Etico per gli enti che operano nel mondo dello sport a più livelli e dei Modelli di Organizzazione, Gestione e Controllo (D.lgs. 231/2001). La riforma dell’art. 33: lo sport entra nella Costituzione Italiana.  Il  20 settembre 2023 è già passato alla storia come la data in cui si è modificato all’unanimità l’art. 33 della Costituzi

Alessandro Cardarelli è avvocato civilista, specializzato in diritto bancario e crisi di impresa.


Dopo aver conseguito la laurea nel 2013 presso l’Università Suor Orsola Benincasa, ha iniziato l’attività professionale nel Foro di Napoli nel settore del diritto civile.

Dal 2017 è iscritto all'Albo degli Avvocati di Napoli.

Durante la sua carriera forense si è costantemente occupato dell’assistenza giudiziale di persone fisiche, imprese e banche nelle problematiche attinenti alle materie del diritto bancario e crisi di impresa.

Attualmente presta consulenza ed assistenza legale nelle suddette materie.

Commenti

Post più popolari