Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Green pass in azienda: riflessi sul GDPR e sul Modello 231

Premessa Dal 15 ottobre è diventato obbligatorio possedere il lasciapassare verde per accedere ai luoghi di lavoro, pubblici e privati, ai sensi del D.l. 127/2021, rubricato « Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19 e il rafforzamento del sistema di screening ». Il legislatore, così facendo, ha posto in capo ai lavoratori il solo obbligo di possedere ed esibire il Green Pass per accedere al luogo di lavoro, quali che siano le modalità con cui è stato ottenuto: tramite vaccinazione o tampone negativo. Al fine di garantire il rispetto degli obblighi sanciti dal legislatore, si è inteso comunque lasciare un margine di discrezionalità al datore di lavoro, che resta libero di scegliere le modalità operative che meglio si confanno alle esigenze organizzative aziendali e al numero dei dipendenti. Pertanto, sarà onere del datore di lavoro munire l’azienda di specif

Ultimi post

L’organismo di vigilanza al giro di boa dei vent’anni d’applicazione del D.lgs. 231/2001.

La responsabilità da reato degli enti nei gruppi d'impresa secondo le linee-guida di Confindustria per la costruzione dei modelli organizzativi ex D. Lgs. 231/2001

LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA 231

LE NUOVE LINEE DI CONFINDUSTRIA PER LA COSTRUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI 231

ESCLUSA LA FRODE PROCESSUALE PER IL DATORE DI LAVORO CHE ALTERA I LUOGHI DELL’INFORTUNIO

LA VACCINAZIONE DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI: IL PROTOCOLLO PER LA REALIZZAZIONE DEI PIANI AZIENDALI E GLI ONERI DEL DATORE DI LAVORO.

STOP DEFINITIVO DELLA CASSAZIONE AL “RECUPERO DEL CONSENSO”: RESPINTO IL RICORSO TELECOM

COVID-19: IL CONTAGIO SUL LUOGO DI LAVORO È INFORTUNIO ANCHE IN CASO DI RIFIUTO DI VACCINARSI

GDPR E TUTELA DELLA RISERVATEZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Il distacco del lavoratore e la responsabilità del datore di lavoro